mercoledì , 21 febbraio 2018
Home » Tributario » Il diniego del credito d’imposta solo con accertamento
Il-diniego-del-credito-d'imposta-solo-con-accertamento-iltuotributarista

Il diniego del credito d’imposta solo con accertamento

Ai fini del disconoscimento del credito di imposta è necessario un avviso di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, non essendo sufficiente la semplice emissione di un avviso bonario in seguito a controllo automatizzato.

Lo hanno precisato i giudici della CTR per il Molise, con la sentenza n. 575/2 del 10/10/2017.

Motivazioni

Necessario avviso di accertamento

Secondo recente giurisprudenza, per disconoscere il credito d’imposta (nella fattispecie acconti versati), è necessario un avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate, non essendo sufficiente l’avviso bonario successivo a un controllo automatizzato.

La possibilità di iscrivere a ruolo l’imposta senza previamente emettere un avviso di accertamento, prevista dall’art. 36-bis del D.P.R. 600/73, è consentita soltanto allorché la maggiore imposta dovuta risulti, ictu oculi, dalla dichiarazione del contribuente, cioè in casi tassativi (per esempio, correzione di errori materiali o di calcolo), e non può, quindi, essere estesa fino a ricomprendere fattispecie suscettibili di interpretazioni diverse.

Contraddittorio

La carenza di versamento dell’imposta dovuta, mettendo in discussione proprio i dati esposti dalla parte (disattendendoli e/o disconoscendoli), avrebbe imposto un motivato atto di accertamento e un’elaborazione dei dati in contraddittorio, con l’assegnazione di un congruo termine per chiarire, contraddire e documentare. Nella fattispecie, l’operato dell’Ufficio non è stato di mero controllo dei dati esposti dal contribuente, bensì di vero e proprio atto di accertamento volto a disconoscere gli acconti versati nell’anno precedente a quello in disamina.

Emendabilità dichiarazione

Quanto alla emendabilità o meno della dichiarazione, in ossequio al principio delle Sezioni Unite della Cassazione (Sent. n. 15063 del 25 ottobre 2002), è emendabile e ritrattabile ogni dichiarazione dei redditi che risulti, comunque, frutto di un errore del dichiarante nella relativa redazione, sia tale errore testuale o extratestuale, di fatto o di diritto, quando da essa possa derivare l’assoggettamento del contribuente ad oneri contributivi diversi, e più gravosi, di quelli che per legge devono restare a suo carico.

(97)

Notizie su giuseppe

Dottore Commercialista, Revisore Contabile, Consulente Tecnico del Tribunale di Paola (Cs). Iscritto all’Ordine dei Commercialisti di Paola dal 2002.

TI potrebbe interessare:

Liquidazione-volontaria--responsabilità,-onere-della-prova-e-proroga.-iltuotributarista

Liquidazione volontaria: responsabilità, onere della prova, proroga e retroattività.

“La cancellazione volontaria dal registro delle imprese di una società, a partire dal momento in ...

Nulla-l'intimazione-di-pagamento-senza-allegare-l'atto-prodromico-iltuotributarista

Nulla l’intimazione di pagamento senza allegare l’atto prodromico

L’intimazione di pagamento, notificata al contribuente senza l’allegazione dell’atto prodromico richiamato, deve ritenersi carente in ...

La-vendita-di-un-terreno-edificabile-con-appalto-per-la-realizzazione-di-unità-immobiliari-non-è-vendita-di-cosa-presente-con-cosa-futura-iltuotributarista

La vendita di un terreno edificabile con appalto per la realizzazione di unità immobiliari non è vendita di cosa presente con cosa futura

Il contratto di vendita di un terreno edificabile, con riserva, da parte dell’alienante, di una ...

Lascia un commento