giovedì , 14 dicembre 2017
Home » Anatocismo e Usura » Interessi oltre soglia non escludono gli interessi corrispettivi
Interessi-oltre-soglia-non-escludono-gli-interessi-corrispettivi-iltuotributarista-(anatocismo-e-usura)

Interessi oltre soglia non escludono gli interessi corrispettivi

L’applicazione di interessi oltre soglia in determinati periodi (extra fido) non esclude l’applicazione degli interessi corrispettivi nel periodo in cui il tasso non presenti carattere usuraio.

Lo ha precisato la Cassazione con l’ordinanza n. 21470/2017 del 15 settembre 2017.

Motivazioni

La sanzione dell’art. 1815, comma 2, c.c., dunque, non può che colpire la singola pattuizione che programmi la corresponsione di interessi usurari, non investendo le ulteriori disposizioni che, anche all’interno della medesima clausola, prevedano l’applicazione di interessi che usurari non siano.

Se così non fosse, la norma non potrebbe trovare pratica applicazione tutte quelle volte in cui – per effetto della differenziazione dei tassi applicabili in ragione di diverse condizioni (come, appunto, l’entità dell’indebitamento del correntista) – nella clausola che disciplina la misura degli interessi contrattuali convivano una disposizione che fissi gli stessi al di sopra della soglia usuraria ed altra che la determini in una misura inferiore: in tal caso, infatti, la medesima clausola avrebbe ad oggetto la pattuizione dell’interesse usurario (che varrebbe a renderla nulla) e la pattuizione dell’interesse non usurario (che dovrebbe di contro sottrarla all’effetto invalidante).

Nell’ipotesi in cui le parti abbiano convenuto (per l’indebitamento che si produca entro i limiti del fido) un saggio di interesse inferiore al tasso soglia, la relativa disposizione è valida, e non vi è modo di ritenere che ad essa si comunichi la patologia negoziale che colpisce altra pattuzione (relativa, nella specie, agli interessi sul c.d. extra fido): e se non si comunica l’invalidità, non si comunica nemmeno l’inefficacia (data dalla non spettanza degli interessi) che da quell’invalidità si origina.

L’indebitamento oltre i limiti del fido, prodottosi in un determinato arco temporale, genera per certo interessi non dovuti, in quanto il tasso relativo si collochi oltre la soglia di legge: ma ciò non esclude che l’indebitamento entro i limiti del fido, prodottosi in altro periodo, produca interessi che il correntista debba corrispondere, ove il relativo tasso di interesse non presenti carattere usurario.

(73)

Notizie su giuseppe

Dottore Commercialista, Revisore Contabile, Consulente Tecnico del Tribunale di Paola (Cs). Iscritto all’Ordine dei Commercialisti di Paola dal 2002.

TI potrebbe interessare:

Usura-sopravvenuta-nessuna-nullità-o-inefficacia-contrattuale-iltuotributarista

Usura sopravvenuta: nessuna nullità o inefficacia contrattuale

È priva di fondamento la tesi della illiceità della pretesa del pagamento di interessi a ...

Ammortamento-c.d.-alla-francese-con-tasso-variabile----la-rata-costante-è-incompatibile-iltuotributarista

Ammortamento c.d. alla francese con tasso variabile: la rata costante è incompatibile

Incompatibili i piani di ammortamento che prevedono il rimborso del prestito in un periodo prefissato (ad ...

La-nullità-della-clausola-di-capitalizzazione-trimestrale-degli-interessi-è-rilevabile-d'ufficio-iltuotributarista

La nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi è rilevabile d’ufficio

E’ rilevabile d’ufficio – anche in sede di gravame – la nullità, ai sensi dell’articolo ...

Lascia un commento