Home » Tributario » Dopo la richiesta dei documenti è necessario il contraddittorio endoprocedimentale
Richiesta-documenti-e--contraddittorio-endoprocedimentale-iltuotributarista

Dopo la richiesta dei documenti è necessario il contraddittorio endoprocedimentale

Illegittimo l’accertamento, senza processo verbale di constatazione e quindi senza contraddittorio endoprocedimentale, anche quando si tratta di semplice richiesta di documentazione contabile.

Lo ha precisato la CTP Treviso con la sentenza n.369/1/2017 del 2/8/2017.

Motivazioni della sentenza 

L’art. 41 della Carta dei Diritti Fondamentali della U.E. stabilisce che: “ogni individuo ha diritto a che le questioni che lo riguardano siano trattate in modo imparziale, equo ed entro un termine ragionevole dalle istituzioni e dagli organi dell’Unione.

Tale diritto comprende: il diritto di ogni individuo di essere ascoltato prima che nei suoi confronti venga adottato un provvedimento individuale che gli rechi pregiudizio“.

Statuto del contribuente

Anche l’art. 12, comma 7, dello statuto del contribuente riporta: “nel rispetto del principio di cooperazione tra amministrazione e contribuente, dopo il rilascio del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente può comunicare entro sessanta giorni osservazioni e richieste che sono valutate dagli uffici impositori.

L’avviso di accertamento non può essere emanato prima della scadenza del predetto termine, salvo casi di particolare e motivata urgenza”.

Circolare Agenzia delle Entrate

Anche la stessa Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 25/E del 06/08/2014, nel dettare disposizioni su Accertamento, Prevenzione e contrasto all’evasione, ha rilevato l’importanza del rapporto con il contribuente che “nell’ambito dell’attività di controllo, si declina attraverso la partecipazione del cittadino al procedimento di accertamento mediante il contraddittorio, sia nella fase istruttoria sia nell’ambito degli istituti definitori della pretesa tributaria”.

(211)

Notizie su giuseppe

Dottore Commercialista, Revisore Contabile, Consulente Tecnico del Tribunale di Paola (Cs). Iscritto all’Ordine dei Commercialisti di Paola dal 2002.

TI potrebbe interessare:

Gli ingendi guadagni non comportano l’automatico presupposto impositivo per l’IRAP

I guadagni cospicui del professionista/imprenditore individuale non possono costituire il presupposto per l’imposizione dell’imposta. (20) ...

L'attività-di-volontariato-non-può-essere-retribuita-iltuotributarista

L’attività di volontariato non può essere retribuita

La legge sul volontariato (Legge 266/1991) all’art.2 dispone che l’attività del volontario non può essere ...

Sono-inattendibile-gli-studi-di-settore-quando-il-contribuente-riesce-a-dimostrarlo-iltuotributarista

Sono inattendibili gli studi di settore quando il contribuente riesce a dimostrarlo

Lo strumento degli studi di settore non è utilizzabile dall’Ufficio se il contribuente riesce a ...

Lascia un commento