Home Tributario Cessazione di attività: il credito IVA si prescrive in 10 anni

Cessazione di attività: il credito IVA si prescrive in 10 anni

167
0
Cessazione di attività: il credito IVA si prescrive in 10 anni iltuotributarista

In caso di cessazione dell’attività, il rimborso dell’IVA, ai sensi dell’art. 30, comma 2 del dpr 633/1972, è soggetto al termine di prescrizione ordinario decennale e non a quello biennale.

Questa è la conclusione a cui sono giunti i giudici della CTR del Lazio con la Sentenza n. 2793/1 del 9 maggio 2019, rifacendosi a due  sentenze  della Suprema Corte la n. 9941/2015 e la n. 17151/2018.

Nel caso in esame i giudici hanno precisato il contribuente non aveva compilato il quadro VR della relativa dichiarazione fiscale, da cui l’intervenuta decadenza del diritto al rimborso ai sensi dell’art. 21, comma 2, del D. Lgs. 546/1992.

Secondo la CTR, invece, il fatto costitutivo del diritto al rimborso è nella fattispecie costituito da una circostanza storica:

— la cessazione dell’attività;

— la dimostrazione è autonomamente verificabile dall’Amministrazione, tanto sulla base della mancata presentazione successiva delle dichiarazioni quanto in forza di semplice accesso alla documentazione pubblica;

trattasi in altri termini di circostanza di fatto che non necessita di uno specifico onere probatorio da parte del contribuente, potendo essere anche solo dedotta e allegata.

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.