Home Sentenze Corte di cassazione, sezione IV, sentenza 29 maggio 2018 n. 24128 (Perfezionamento...

Corte di cassazione, sezione IV, sentenza 29 maggio 2018 n. 24128 (Perfezionamento della notifica – Dies a quo)

2188
0

La notificazione dell’atto effettuata a mezzo servizio postale deve ritenersi eseguita, e dunque perfezionata, trascorsi dieci giorni dalla data di spedizione della lettera raccomandata contenente l’avviso delle modalità eseguite dall’operatore postale, ovvero dalla data di ritiro del piego, se anteriore. A nulla rileva la data di ritiro del piego effettuata nei sei mesi successivi da parte del destinatario [nel caso di specie, relativo ad impugnazione tardiva, tale data non poteva essere ritenuta il dies a quo dal quale far decorrere il termine per l’impugnazione].

“Del tentativo di notifica del piego e del suo deposito è data notizia al destinatario, a cura dell’operatore postale, mediante avviso in busta chiusa a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento che, in caso di assenza del destinatario, deve essere affisso alla porta d’ingresso oppure immesso nella cassetta della corrispondenza dell’abitazione, dell’ufficio o dell’azienda. L’avviso deve contenere l’indicazione del soggetto che ha richiesto la notifica e del suo eventuale difensore, dell’ufficiale giudiziario al quale la notifica è stata richiesta e del numero di registro cronologico corrispondente, della data di deposito e dell’indirizzo del punto di deposito, nonché l’espresso invito al destinatario a provvedere al ricevimento del piego a lui destinato mediante ritiro dello stesso entro il termine massimo di sei mesi, con l’avvertimento che la notificazione si ha comunque per eseguita trascorsi dieci giorni dalla data di spedizione della lettera raccomandata di cui al periodo precedente e che, decorso inutilmente anche il predetto termine di sei mesi, l’atto sarà restituito al mittente” (art.8, comma 4).

La notificazione si ha per eseguita dalla data del ritiro del piego, se anteriore al decorso del detto termine di dieci giorni.

Nel caso di specie, una volta decorso il termine di dieci giorni per il perfezionamento della notifica, a nulla rileva la data di ritiro del plico da parte del destinatario, avvenuta entro i sei mesi e precisamente il 20 marzo 2017, poiché non costituisce “dies a quo” per la decorrenza del termine per impugnare.

Cassazione 24128-2018

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.