Home Tributario Inammissibile l’appello se il concessionario non produce la prova della notifica della...

Inammissibile l’appello se il concessionario non produce la prova della notifica della cartella

89
0
Inammissibile-l'appello-se-il-concessionario-non-produce-la-prova-della-notifica-della-cartella-iltuotributarista

E’ inammissibile l’appello qualora il concessionario della riscossione non abbia compulsato neppure in parte il contenuto della sentenza di primo grado e non abbia preso posizione su un punto fondamentale, da cui è scaturita la decisione di primo grado, rappresentato dalla produzione del solo estratto di ruolo.

E’ quanto ha deciso la CTR della Calabria con la sentenza n. 117.3.2018 del 05/02/2018.

Il fatto

Una contribuente aveva proposto ricorso avverso un’intimazione di pagamento sostenendo di non aver ricevuto le prodromiche cartelle esattoriali. Si costituiva Equitalia che eccependo la regolarità del proprio operato si limitava a depositare il solo estratto di ruolo.

La commissione, ritenendo insufficiente la documentazione prodotta ai fini della prova,  ha accolto le doglianze della contribuente.

Ne abbiamo parlato qui:

IL CONCESSIONARIO DEVE FORNIRE PROVA DELLA NOTIFICA DEGLI ATTI PRODROMICI

Ha proposto, dunque, appello Equitalia sostenendo che in primo grado si era riservata di produrre l’avviso di ricevimento della cartella di pagamento n. 034 xxxx 000, atto presupposto all’emissione dell’intimazione impugnata, non riuscendo a produrlo in primo grado, a causa del trasferimento della propria sede. Completato il trasferimento, ha rinvenuto la documentazione attestante la notifica della cartella di pagamento n. 034 xxxx 000, avvenuta regolarmente, nei confronti della società Contribuente, in data 28/12/2010.

Ma diversamente da quanto sostenuto da Equitalia, la notifica del 28/12/2010 non si riferiva alla prodromica cartella di pagamento, ma alla intimazione di pagamento  testè impugnata. Il difensore, Giuseppe dott. Russo, con proprie controdeduzioni all’appello, precisava che l’intimazione di pagamento riportava quale data di notifica della cartella di pagamento la data del 18/06/2008 e che la data del 28/12/2010 si riferisse alla notifica dell’intimazione di pagamento impugnata.

Sulla base di queste motivazioni e non avendo fornito il concessionario la notifica della cartella di pagamento, la Ctr della Calabria ha pronunciato la sentenza di inammissibilità dell’appello proposto dal concessionario.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.