Home Tributario La notifica validamente eseguita ad un soggetto coobbligato impedisce la decadenza

La notifica validamente eseguita ad un soggetto coobbligato impedisce la decadenza

889
0
La-notifica-validamente-eseguita-ad-un-soggetto-coobbligato-impedisce-la-decadenza-iltuotributarista

La notifica di un avviso di accertamento validamente eseguita ad un soggetto coobbligato impedisce la decadenza per l’Ente Impositore dal diritto all’accertamento nei confronti degli altri co-debitori (v. Sez. 5, n. 27005 del 21/12/2007 c n. 1463 del 27 /01/2016).

Lo ha precisato la Cassazione con l’ordinanza n. 2545 depositata in data 1 febbraio 2018.

La Corte, richiamando una propria precedente e recente giurisprudenza, ha ribadito che “alla stregua della disciplina dettata dal codice civile con riguardo alla solidarietà fra coobbligati, applicabile – in mancanza di specifiche deroghe di legge – anche alla solidarietà tra debitori d’imposta, l’avviso di accertamento validamente notificato solo ad alcuni condebitori spiega, nei loro confronti, tutti gli effetti che gli sono propri, mentre, nei rapporti tra l’Amministrazione finanziaria e gli altri condebitori, cui non sia stato notificato o sia stato invalidamente notificato, lo stesso, benché inidoneo a produrre effetti che possano comportare pregiudizio di posizioni soggettive dei contribuenti, quali il decorso dei termini di decadenza per insorgere avverso l’accertamento medesimo, determina pur sempre l’effetto conservativo d’impedire la decadenza per l’Amministrazione dal diritto all’accertamento, consentendole di procedere alla notifica, o alla sua rinnovazione, anche dopo lo spirare del termine all’uopo stabilito” (Corte di Cassazione n. 13248/2017).

 

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.