Home Tributario Legittima la cartella di pagamento inviata all’erede che ha accettato l’eredità con...

Legittima la cartella di pagamento inviata all’erede che ha accettato l’eredità con beneficio d’inventario

267
0
erede-con-beneficio-d’inventario-cartella-iltuotributarista

È legittima la cartella emessa nei confronti dell’erede che ha accettato l’eredità con beneficio d’inventario, anche se le pretese del credito eccedono il patrimonio lasciato del defunto.

Lo ha precisato la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 23019 dell’11.11.2016, che richiamando il consolidato orientamento giurisprudenziale, ha evidenziato che ai sensi dell’art. 490 del c.c., chi accetta l’eredità con beneficio d’inventario assume comunque la qualifica di erede, con l’unica differenza, rispetto a chi accetta l’eredità senza limitazioni, che il patrimonio del defunto è tenuto separato rispetto al patrimonio dell’erede.

L’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario

L’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario, quindi, non determina, di per sé sola, il venir meno della responsabilità patrimoniale dell’erede per i debiti, anche tributari, ma fa solo sorgere il diritto di questo a non rispondere ultra vires hereditatis, cioè al di là dei beni lasciati dal de cuius (Cass. n. 6488/2007).

Limitazione di responsabilità

Nel caso in cui venga notificata una cartella all’erede che ha accettato l’eredità con beneficio d’inventario, che supera la capienza del patrimonio del de cuius, l’erede deve far valere in via giudiziale la propria limitazione di responsabilità.

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.