Home Tributario L’omessa indicazione nella dichiarazione ici non fa venir meno l’agevolazione prima casa

L’omessa indicazione nella dichiarazione ici non fa venir meno l’agevolazione prima casa

496
0
L'omessa-indicazione-nella-dichiarazione-ici-non-fa-venir-meno-l'agevolazione-prima-casa-iltuotributarista

L’agevolazione prevista dall’art. 8 del d.lgs. n. 504 del 1992 per l’immobile adibito ad abitazione principale non può essere negata a causa dell’omessa indicazione dell’abitazione principale nella dichiarazione effettuata ai sensi dell’art. 11 del d.lgs. n. 504 del 1992, né per la divergenza tra il luogo indicato e la residenza anagrafica del contribuente.

Lo ha specificato la Ctr Lazio con la sentenza n. 1899/15/2017 del 5 aprile 2017.

Motivazioni

Secondo la consolidata giurisprudenza di legittimità, le risultanze anagrafiche rivestono un valore meramente presuntivo circa il luogo di residenza effettiva, e possono essere superate da una prova contraria, desumibile da qualsiasi fonte di convincimento; il relativo apprezzamento costituisce valutazione demandata al giudice di merito ed sottratta al controllo di legittimità, ove adeguatamente motivata ( Sez.L,n. 26985 del 22/12/2009, Rv.611187).

Con specifico riferimento all’ ICI, secondo la consolidata giurisprudenza di legittimità ( v. Sez. 5, n.13151 del 20/05/2010, Rv. 613463) l’agevolazione prevista dall’art. 8 del d.lgs. n. 504 del 1992 per l’immobile adibito ad abitazione principale non può essere negata a causa dell’omessa indicazione dell’abitazione principale nella dichiarazione effettuata ai sensi dell’art. 11 del d.lgs. n. 504 del 1992, né per la divergenza tra il luogo indicato e la residenza anagrafica del contribuente, in quanto la dichiarazione, quale manifestazione di scienza, può essere liberamente modificata dal contribuente, in qualunque momento, anche in sede processuale, mentre le risultanze anagrafiche rivestono un valore presuntivo e possono essere superate da prova contraria, desumibile da qualsiasi fonte di convincimento e suscettibile di apprezzamento riservato alla valutazione del giudice di merito.

Nel caso esaminato, ha specificato la CTR, la Commissione di primo grado si è limitata a prendere in esame esclusivamente le utenze domestiche, senza tener conto dell’altra documentazione prodotta, dai cui si desume il diritto all’agevolazione prima casa.

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.