Home Tributario La domanda riconvenzionale è incompatibile con il processo tributario

La domanda riconvenzionale è incompatibile con il processo tributario

51
0
Incompatibile-con-il-processo-tributario-proporre-domanda-riconvenzionale-iltuotributarista

Il contribuente che, nel redigere la dichiarazione fiscale, abbia eseguito, in tutto o in parte, il pagamento del maggior importo non dovuto, è tenuto ad esperire le procedure di rimborso, nel rispetto delle modalità e dei termini di decadenza previsti, senza avere la possibilità di eccepire, in sede giudiziale, l’indebito pagamento.

Questo principio è stato affermato dalla Cassazione con la sentenza n. 5728, depositata il 09/03/2018.

Motivazioni

Il contribuente, in altri termini, spiega la Corte, è sempre ammesso, in sede contenziosa, a provare che egli non ha giustificatamente versato la (maggiore) somma pretesa dall’Amministrazione finanziaria con la cartella esattoriale poiché l’originaria dichiarazione era viziata da un errore di fatto o di diritto (e, dunque, il presupposto impositivo non era sussistente), senza che rispetto a tale difesa siano configurabili decadenze di sorta.

Il contribuente, autore di una dichiarazione inesatta a proprio danno, ove abbia dato seguito alla dichiarazione stessa, provvedendo a versare (in tutto o in parte) una somma più elevata rispetto a quella effettivamente dovuta, non può contrapporre, nella sede contenziosa, alla pretesa dell’Amministrazione l’esistenza di un diritto di rimborso ovvero di un credito per aver versato un importo erroneamente computato (v. anche Cass. n. 21730 del 20/09/2017; Cass. n. 21242 del 13/09/20 17).

Il carattere impugnatorio del processo tributario ha ad oggetto esclusivamente il controllo della legittimità, formale e sostanziale, di uno degli specifici atti impositivi elencati nell’art. 19 del d.lgs. n. 546 del 1992.

L’indagine sul rapporto tributario, quindi, è limitata al riscontro della consistenza della pretesa fatta valere con l’atto stesso, sicché è strutturalmente incompatibile con il processo tributario la possibilità di proporre una domanda riconvenzionale (v. Cass . n. 4145 del 20/02/2013; Cass. n. n. 5928 del 11/03/2010; Cass. n. 20516 del 22/09/2006), ancorché l’asserito diritto vantato dal contribuente possa rinvenire il suo fondamento sullo specifico rapporto tributario.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.