Home » Tributario » Senza atti interruttivi la cartella pur se non opposta è prescritta decorsi 5 anni
Senza-atti-interruttivi-la-cartella-pur-se-non-opposta-è-prescritta-decorsi-5-anni-iltuotributarista

Senza atti interruttivi la cartella pur se non opposta è prescritta decorsi 5 anni

Se Equitalia non è in grado di provare eventuali successivi atti interruttivi fino alla notifica dell’intimazione di pagamento trova accoglimento la richiesta di prescrizione quinquennale e non decennale del contribuente.

Commiss. Trib. Regionale, Milano Sentenza n. 1883 del 23 aprile 2018 (ud 28 marzo 2018).

Motivazioni

Secondo l’orientamento maggioritario e di origine più remota in base all’art. 2953 c.c., si può verificare la conversione della prescrizione da breve a decennale soltanto per effetto di sentenza passata in giudicato, oppure di credito ingiuntivo che abbia acquisito efficacia di giudicato formale e sostanziale (vedi per tutte: Cass. 24 marzo 2006, n. 6628; Cass. 27 gennaio 2014, n. 1650; Cass. 29 febbraio 2016, n. 3987) o anche di decreto o di sentenza penale di condanna divenuti definitivi (ove si tratti di fattispecie anche penalmente rilevanti)”.

Per tale indirizzo l’atto con cui inizia il procedimento di riscossione forzata, qualunque sia il credito cui si riferisce – quindi, sia che attenga al pagamento di tributi oppure di contributi previdenziali, sia che si riferisca a sanzioni pecuniarie per violazioni tributarie o amministrative e così via – pur avendo natura di atto amministrativo con le caratteristiche del titolo esecutivo (come accade per la cartella de qua), tuttavia è privo di attitudine ad acquistare efficacia di giudicato perché espressione del potere di autoaccertamento e di autotutela della P.A.

Pertanto, l’inutile decorso del termine perentorio per proporre l’opposizione, pur determinando la decadenza dell’impugnazione, non produce effetti di ordine processuale, ma solo l’effetto sostanziale dell’irretrattabilità del credito (qualunque ne sia la fonte, di diritto pubblico o privato), con la conseguente inapplicabilità dell’art. 2953 c.c.

 

(583)

Notizie su giuseppe

Dottore Commercialista, Revisore Contabile, Consulente Tecnico del Tribunale di Paola (Cs). Iscritto all’Ordine dei Commercialisti di Paola dal 2002.

TI potrebbe interessare:

CAdES-e-PAdES-sono-entrambe-valide-iltuotributarista

CAdES e PAdES sono entrambe valide

 “Secondo il diritto dell’UE e le norme, anche tecniche, di diritto interno, le firme digitali ...

Notifica a mezzo servizio postale non necessaria la raccomandata informativa

In caso di notifica diretta a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, la disciplina applicabile ...

Anche-i-terreni-“non-graffati”-annessi-all'abitazione-principale-sono-pertinenze-iltuotributarista

Anche i terreni “non graffati” annessi all’abitazione principale sono pertinenze

Il terreno annesso all’abitazione principale, che sostanzialmente rispetta i requisiti civilistici di pertinenza, deve essere ...

Lascia un commento