Home Tributario Sottoscrizione del ruolo: onere della prova a carico dell’ufficio

Sottoscrizione del ruolo: onere della prova a carico dell’ufficio

596
0

Soltanto dopo la sottoscrizione o la validazione, il ruolo diventa esecutivo, formando il presupposto dell’emissione della cartella esattoriale. Deve ritenersi, quindi, che non soltanto l’esecutività del ruolo, ai sensi dell’art. 25, comma 2-bis, del D.P.R. n. 602 del 1973, debba essere obbligatoriamente indicata nella cartella, ma che occorra anche che la riscossione fiscale sia iniziata dopo la sottoscrizione che ai sensi dell’art. 12, comma 4, del medesimo D.P.R. n. 602 rende esecutivo il ruolo (in tal senso, Cass. civ. Sez. V, 24-06-2015, n. 13057).

Nel sistema attualmente vigente del nostro ordinamento tributario, l’Amministrazione Finanziaria nell’accertamento ha l’onere di esternare il titolo e le ragioni giustificative della pretesa tributaria, al fine di consentire al contribuente di valutare l’opportunità di prestare acquiescenza alla stessa oppure di impugnarla; ma, a seguito dell’impugnativa proposta dal soggetto passivo dell’imposta, è però tenuta a provare il diritto vantato nei confronti del ricorrente, fornendo in giudizio la dimostrazione di idonei elementi costitutivi dello stesso.

L’onere probatorio si pone in funzione del vantaggio che ciascuna parte ricava, alla stregua del diritto sostanziale, dalla dimostrazione dei fatti dedotti in giudizio, con la conseguenza che compete all’Amministrazione l’onere della prova dei fatti costitutivi della sua pretesa.

Nel caso esaminato dalla CTP di Caltanissetta, non è stata fornita alcuna prova in ordine alla legittimità del ruolo, per cui, dovendosi questo ritenere non esecutivo, la cartella impugnata, che su esso trova fondamento, si appalesa illegittima e il ricorso deve essere accolto, con conseguente annullamento dell’atto impugnato.

CTP Caltanissetta sentenza n. 492-01-16 del 13 aprile 2016 (Pres. Dott. Nicolò Monteleone) difensore Nastasi dott. Marco di Gela.

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.